What’s New in Italy
Rivoluzione Galileo: a Padova alla scoperta dello scienziato

Rivoluzione Galileo: a Padova alla scoperta dello scienziato

Sino al 18 marzo una mostra sulle tante sfaccettature del padre del metodo sperimentale e del suo legame con l’arte

Galileo Galilei è conosciuto per essere il padre del metodo sperimentale, ma è anche molto di più. E’ un letterato (“il più grande letterato italiano insieme al poeta Dante” per Giacomo Leopardi, “il più grande scrittore della letteratura italiana di ogni secolo” per Italo Calvino), un musicista, un artista (per Erwin Panofsky uno dei maggiori critici d’arte del Seicento), un imprenditore (non solo il cannocchiale ma anche il microscopio o il compasso). Con lui, che per primo punta il cannocchiale verso il cielo scoprendo i satelliti di Giove e le protuberanze della Luna documentate nel ‘Sidereus Nuncius’ (1610), l’astrologia lascia il posto all’astronomia.

Ai tanti aspetti e alle tante influenze di Galileo è dedicata la mostra ‘Rivoluzione Galileo. L’arte incontra la scienza’, in corso di svolgimento a Palazzo del Monte di Pietà a Padova, la città dove lo scienziato ha dichiarato di aver passato i migliori anni della sua vita, in un’Università che nel Seicento rappresenta la più libera al mondo non dipendendo da alcuna religione.

A cura di Giovanni Carlo Federico Villa e Stefan Weppelmann e promossa dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo in collaborazione con l’Università degli Studi di Padova, la mostra è un viaggio sull’influenza delle conquiste galileiane e della scienza moderna sulla cultura artistica. Questa si evidenzia sin nel primo Seicento con le opere di Brueghel e di Govaerts ma anche con la ‘bottega’ galileiana (Artemisia Gentileschi, l’Empoli, Stefano Della Bella) i cui appartenenti erano in grado di condividere le suggestioni offerte dalla lezione dello scienziato. Si passa quindi alla ‘costruzione’ del mito galileiano nell’Ottocento, quando dopo la ‘Tribuna di Galileo’ rappresentazione iconografica della scienza sperimentale da Leonardo a Galileo, vengono realizzati numerosi monumenti dedicati allo scienziato pisano. Una figura quella di Galileo i cui influssi si sentono ancora nell’arte contemporanea, che da Previati, Pelizza da Volpedo e Balla giunge fino ad Anish Kapoor.

Una sezione della mostra, che resterà aperta sino al 18 marzo 2018, è inoltre completamente dedicata alla scoperta della Luna, da Galileo ai giorni nostri.

Tag utilizzati:

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *