What’s New in Italy
Bagarini cyber: scende in campo la start-up italiana Marketing multimediale

Bagarini cyber: scende in campo la start-up italiana Marketing multimediale

Nasce Mticket, in grado di abbinare il sigillo fiscale di un biglietto a un numero di telefono, generando un codice che gestisce e controlla gli accessi a un evento

Guerra ai cyber bagarini. Arriva direttamente dall’Italia, più precisamente dal gruppo milanese Marketing multimediale, che ha lanciato sul mercato la piattaforma Mticket, in grado di abbinare il sigillo fiscale di un biglietto a un numero di telefono, generando un codice che permette di controllare e gestire la circolazione del tagliando d’ingresso a un concerto.

L’obiettivo è mettere al tappeto coloro che vendono in rete i tagliandi a prezzi stratosferici. Tutti ricordano, nell’aprile scorso, la multa inflitta dall’Autorità garante della concorrenza e del mercato ai danni di Ticketone e di quattro siti di secondary ticketing, ossia Seatwave, Viagogo, Ticketbis e Mywayticket, per un totale di 1,7 milioni di euro. Un’indagine nata dalla razzia di biglietti sui siti per alcuni dei concerti più attesi del 2016, Bruce Springsteen, gli U2, i Coldplay e Adele.

Secondo la Siae, l’anno scorso in Italia furono spesi 2,5 miliardi di euro per biglietti d’ingresso a concerti, teatri, musei ed eventi sportivi, il 13 per cento in più rispetto al 2014. Con la crescita del pubblico, del 9 per cento, ad approfittarne sono state proprio le società che si occupano di emettere e poi di gestire i biglietti. Secondo il Registro delle Imprese, queste ultime hanno visto aumentare del 46 per cento il proprio fatturato in due anni, transando 1,1 miliardi di euro, ossia la metà della spesa totale nazionale.

Le due grandi aziende che gestiscono il mercato sono proprio Ticketone e Vivaticket, che hanno il 92 per cento delle quote di mercato. Alle aziende italiane restano le briciole, vale a dire l’8 per cento. Su questo giro d’affari, naturalmente, si sono fiondate le società di secondary ticketing. E il fenomeno è diventato vistoso. Con Mticket chissà che la situazione non torni sotto controllo.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *