What’s New in Italy
Il melograno ora è anche made in Italy

Il melograno ora è anche made in Italy

Cresce la produzione italiana per un frutto che è entrato ormai nella dieta quotidiana dei nostri connazionali e che fa bene alla salute

Vola il melograno made in Italy. Da pianta ornamentale ed elemento decorativo da usare in cucina a frutto tra i più richiesti e utilizzati nelle diete alimentari quotidiane degli italiani. Il totale coltivato in tutto il mondo è di tre milioni di tonnellate di frutta.

In Italia la zona maggiormente favorevole a questa coltivazione è il Sud, in particolare la Puglia, con Grottaglie (provincia di Taranto) che ha dato il là a un progetto innovativo ‘Melograno made in Italy’.

Alessandro Cenzuales, responsabile ortofrutta di Terremerse, spiega: “La melagrana è in grande crescita, sia per il mercato fresco sia per l’industria. Il crescente trend è da ricercarsi nelle proprietà benefiche che presenta: è ricca di sali minerali, vitamine e polifenoli. Tutti elementi dall’elevato potere antiossidante. In Italia il melograno esiste da sempre, ma è sempre stato visto come un prodotto minore. E soprattutto non è mai stato proposto in modo strutturato al consumatore”.
Ma ora i tempi, come dicevamo, sono cambiati. “Oggi si inizia ad avere una produzione rilevante, il made in Italy è una realtà”. E ancora: “Nei prossimi anni andranno in produzione un centinaio di ettari e la situazione cambierà, con eccedenza di prodotto italiano. Ma qui dovremo lavorare per non ridurre il prezzo di liquidazione. Per esempio, differenziare ulteriormente i mercati di destinazione e aumentare il calendario di consumo. Così potremo usare la totalità della produzione, che oggi non sempre è possibile vista la delicatezza del frutto”.

Dicevamo del progetto di Grottaglie, a cura di un giovane produttore, Giacomo Linoci: “Facciamo melograno a 360 gradi: dalla produzione delle piante alla fornitura del know how, dalla realizzazione dell’impianto alla commercializzazione del prodotto. I nostri mercati di riferimento sono la Gdo, i mercati all’ingrosso e le consegne dirette”.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *