What’s New in Italy
Lo sportivo italiano è maschio, laureato e vive al Nord

Lo sportivo italiano è maschio, laureato e vive al Nord

Secondo i dati Istat, rispetto al 1995 è aumentata la percentuale di italiani che fa attività in modo continuativo, ma pure dei sedentari

Chi è lo sportivo italiano? E’ laureato, maschio e residente al Nord. Lo dice l’Istat, che riconosce anche come i nostri connazionali oggi facciano più sport che in passato. Con continuità. Il Trentino Alto Adige, probabilmente anche per l’aria buona che invoglia, è la regione leader.

Ma cosa fanno gli italiani non sedentari? Uno su quattro va in palestra, il 38 per cento degli uomini gioca a calcetto. Rispetto al 1995, con dati che riguardano il 2015, la percentuale di chi afferma di fare sport con continuità è passata dal 17,8 al 24,4%. Da poco meno di 10 milioni, oggi siamo in 14 milioni a fare attività fisica regolarmente. Purtroppo, pure la quota di chi non fa sport è aumentata: dal 37,8% di 20 anni fa, oggi siamo al 39,1%.

Praticamente, chi nel 1995 affermava di svolgere attività fisica solo saltuariamente, nel frattempo ha aumentato i carichi di lavoro trasformando l’attività sporadica in attività sportiva vera e propria. Anche se non agonistica. Sono in particolare i maschi, bambini e adolescenti, a fare sport. Compiuti 20 anni, la percentuale di chi continua cala. Dagli 11 ai 14 anni, però, l’uomo tiene alta la bandiera rispetto alla donna: il 75,3% dei maschi è praticante contro il 64,7% delle femmine.

Conta pure il titolo di studio. Fa più sport chi ha passato più tempo sui libri di scuola. Al Nord, poi, si fa molta più attività sportiva che al Sud e questo può dipendere anche dalle infrastrutture presenti. Sulle Dolomiti, il 58% dei residenti pratica uno sport, in Campania appena il 23%. Pure l’attività saltuaria vede il Settentrione avere la meglio sul Meridione.

Un quarto degli italiani che fa sport va in palestra (ginnastica, aerobica, fitness), segue il calcio con il 23% e il nuoto con il 21,1%. Al 16,8% troviamo la corsa. Tra gli uomini, però, a prevalere è il calcio: quasi due sportivi su cinque lo praticano. Praticamente la stessa percentuale di donne che si iscrivono in palestra (solo l’1,2% gioca a calcio).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *