What’s New in Italy
Italia più vecchia: e la pensione di anzianità si alza ancora

Italia più vecchia: e la pensione di anzianità si alza ancora

Dopo i dati dell'Istat sulle aspettative di vita aumentate, il Governo entro fine anno dovrebbe alzare di altri 5 mesi il limite per lasciare il lavoro

Le aspettative di vita più alte, in Italia (82,8 anni secondo l’Istat, nel 2016), rischiano di veder salire ulteriormente l’età per la pensione. Secondo l’ultima riforma, questo dato – a partire dal 2019 – vorrebbe dire che si potrà lasciare il lavoro a 67 anni rispetto ai 66 e 7 mesi di oggi. Cinque mesi in più, malgrado l’Italia sia già il Paese dove si lavora fino alla più tarda età. La Germania, pensate, arriverà alla soglia italiana solo nel 2030.

La legge che il Governo adegua ogni tre anni (saranno due dal 2019) prevede di alzare l’asticella per le pensioni di vecchiaia se l’Istat fa sapere che le aspettative di vita si sono allungate. L’aggiustamento vale dal 2019, ma le misure devono essere definite in anticipo, entro la fine dell’anno, sancite da un apposito decreto emesso dal ministero dell’Economia e delle Finanze, di concerto con quello del Lavoro.

Non è comunque così scontato che l’aumento di cinque mesi ci sia. Molti sperando in uno sconto, anche di un solo mese, da parte dell’esecutivo. Ieri, il presidente della Commissione Lavoro della Camera, Cesare Damiano, diceva a questo proposito: “Il calcolo dell’Istat dovrà prendere a riferimento il triennio 2014 – 2016, periodo nel quale, nel 2015, c’è stato un calo dell’aspettativa di vita”. Insomma, sono attese sorprese, in questo caso positive. Non solo: “Ci auguriamo che la decisione sull’aumento dell’età pensionabile sia rinviata a giugno del 2018” fanno sapere sia Damiano sia Maurizio Sacconi.

I sindacati chiedono di bloccare questo meccanismo, inserendo la possibilità di modulare l’età in base al lavoro di ognuno, a seconda che sia più o meno gravoso. Il premier Gentiloni, nei giorni scorsi, aveva però gelato tutti, spiegando che il Governo avrebbe rispettato la legge vigente.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *