What’s New in Italy
World Pasta Day: un piatto di pasta per sfamare il mondo

World Pasta Day: un piatto di pasta per sfamare il mondo

Tra gli ambasciatori di ‘The Power of Pasta’ anche l’italiano Antonino Cannavacciuolo

Tre milioni di piatti di pasta per combattere la fame nel mondo. I pastai italiani e nel mondo in occasione del  World Pasta Day’ (25 ottobre) hanno promosso l’iniziativa benefica ‘The Power of Pasta’.

E’ questo un modo per rispondere all’emergenza alimentare nel mondo, denunciata dal rapporto ‘The State of Food Security and Nutrition in the World 2017’ realizzato dalle agenzie della Nazioni Unite Fao, Ifad e World Food Programme. Per la prima volta in più di un decennio la fame nel mondo è tornata a crescere: nel 2016 ha colpito 815 milioni di persone (11% della popolazione mondiale), con una crescita rispetto all’anno precedente di 38 milioni di individui. Uno stop verso l’obiettivo 2030 per il debellamento della fame e della malnutrizione nel mondo.

Ambasciatori di ‘The Power of Pasta’ sono tre chef famosissimi: Bruno Serato negli Stati Uniti, David Hertz in Brasile e Antonino Cannavacciuolo in Italia. Lo chef stellato nonché popolare volto televisivo (Masterchef, Cucine da incubo) consegnerà alla Caritas diocesana la pasta per realizzare 160mila pasti caldi in 12 regioni italiane.

Come sottolinea Paolo Barilla, presidente di ‘International Pasta Organisation’, la pasta è un “alimento straordinario, ideale per sfamare il mondo in modo sano e sostenibile. E’ un piatto umile che per il suo potere saziante può essere una scelta sana, naturale, accessibile a tutte le categorie sociali. In più è un prodotto a basso impatto ambientale, aspetto non secondario in un pianeta sempre più affollato dove chi produce cibo deve porsi il problema etico di farlo senza sprecare le risorse”.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *