What’s New in Italy
Pomodori con etichetta obbligatoria: soddisfatta Coldiretti Puglia

Pomodori con etichetta obbligatoria: soddisfatta Coldiretti Puglia

Cantele: "La provincia di Foggia è leader nel comparto, il decreto del ministro Martina è un provvedimento decisivo per la nostra regione"

Etichettatura obbligatoria sui pomodori. Esulta la provincia di Foggia, per bocca del presidente di Coldiretti Puglia, Gianni Cantele: “Il 40 per cento del pomodoro italiano viene proprio dalla Capitanata. La provincia di Foggia è leader nel comparto con 3.500 produttori di pomodoro che coltivano mediamente una superficie di 26 mila ettari, per una produzione di 22 milioni di quintali e una P.L.V. (Produzione Lorda Vendibile) di quasi 175.000.000 euro”.

Prosegue Cantele: “Sono dati ragguardevoli se confrontati al resto d’Italia, con i suoi 55 milioni di quintali di produzione e i 95 mila ettari di superficie investita”. C’è dunque molta soddisfazione per il decreto firmato dal ministro Maurizio Martina al Forum di Cernobbio: “E’ un provvedimento decisivo per la Puglia e soprattutto per la provincia di Foggia perché riguarda i derivati come conserve e concentrato di pomodoro, oltre che sughi e salse che siano composti almeno per il 50 per cento dai derivati di pomodoro”.

Il decreto Coldiretti prevede che le confezioni di derivati del pomodoro, sughi e salse prodotte in Italia abbiano obbligatoriamente indicate in etichetta: Paese di coltivazione del pomodoro, nome del Paese nel quale il pomodoro viene coltivato, Paese di trasformazione del pomodoro. Se queste fasi avvengono nel territorio di più Paesi possono essere utilizzate, a seconda della provenienza, le seguenti diciture: Paesi UE, Paesi NON UE, Paesi UE e NON UE.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *