What’s New in Italy
Da Vinci: il ‘Salvator Mundi’ all’asta per 100 milioni

Da Vinci: il ‘Salvator Mundi’ all’asta per 100 milioni

L’appuntamento è il 15 novembre da Christie’s a New York

Delle opere di Leonardo da Vinci il ‘Salvator Mundi’ è oggi l’unica in mano di privati, forse ancora per poco. Il 15 novembre l’olio su tela andrà all’asta da Christie’s a New York con una base d’asta di 100 milioni di dollari, la più alta mai proposta dalla casa d’aste.

Il ‘Salvator Mundi’, che raffigura un Cristo benedicente, è considerata “la più grande scoperta del XXI secolo”. L’opera infatti è stata rinvenuta soltanto 60 anni fa celata da un restauro poco accurato.

Inizialmente l’opera faceva parte delle collezioni di Carlo I e Carlo II d’Inghilterra; nel XIX secolo fu di proprietà di Sir Francis Cook ma era considerato un dipinto di ‘scuola milanese’. Dopo l’ultimo ritrovamento fu restaurata e gli studiosi in un primo momento la attribuirono alla scuola leonardesca, ma dopo la rimozione di uno strato di pittura scolorita, frutto di un precedente restauro, annunciarono che si trattava di un lavoro di Leonardo Da Vinci. I dubbi per alcuni critici però restano e sono alimentati dalla sfera di cristallo che Cristo tiene nella mano sinistra: l’olio su tela, infatti, è stato realizzato negli anni in cui Leonardo stava studiando i fenomeni ottici e di rifrazione della luce, che però non si ritrovano nel ‘Salvator Mundi’.

L’ultima volta l’opera è apparsa sul mercato è stata nel 2013 ed è stata acquistata da un collezionista europeo rimasto anonimo per 75 milioni di dollari.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *