What’s New in Italy
World Pasta Day: 25 ottobre, festa per l’etichetta di provenienza del grano

World Pasta Day: 25 ottobre, festa per l’etichetta di provenienza del grano

L'81 per cento dei consumatori, nella consultazione online, aveva chiesto il provvedimento che ora è decreto: "Riconoscimento ad aziende italiane"

L’etichetta Made in Italy sulle confezioni di pasta scatena la rissa tra l’Associazione dei pastai e Coldiretti. Ma in realtà, il decreto era richiesto dall’81 per cento dei consumatori, secondo la consultazione pubblica online sull’etichettatura dei prodotti agroalimentari condotta dal ministero delle Politiche Agricole.

Un decreto firmato congiuntamente dal ministro delle Politiche Agricole, Maurizio Martina, e dal ministro dello Sviluppo Economico, Carlo Calenda. Che entrerà in vigore a febbraio 2018, anche se saranno da valutare gli effetti del ricorso al Tar del Lazio e la segnalazione alla Commissione europea.

Coldiretti ha sostenuto il provvedimento e ora è convinta che il 25 ottobre, World Pasta Day, ci sia davvero qualcosa da festeggiare con l’etichetta Made in Italy. Sapremo, come da decreto, la provenienza del grano con cui è stata fatta la pasta che mangiamo tutti i giorni. Coldiretti parla così di maggiore trasparenza negli acquisti, cosa che fermerebbe anche le speculazioni che hanno provocato il crollo del prezzo del grano italiano e un drastico calo delle semine.

“Con l’etichetta arriva un giusto riconoscimento per le oltre 300 mila aziende agricole italiane che coltivano il grano, ma anche la valorizzazione di un territorio di 2 milioni di ettari coltivati. L’Italia è il principale produttore europeo e secondo mondiale di grano duro, destinato alla pasta con 4,3 tonnellate su una superficie coltivata pari a circa 1,3 milioni di ettari che si concentra nell’Italia meridionale, soprattutto in Puglia e in Sicilia che, da sole, rappresentano circa il 40 per cento della produzione nazionale”.

Tag utilizzati:

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *