What’s New in Italy
Cibo italiano: Coldiretti, 2017 anno da record per l’export

Cibo italiano: Coldiretti, 2017 anno da record per l’export

Il vino guida una stagione indimenticabile per l'agroalimentare nostrano. Coldiretti però chiede attenzione per i troppi prodotti tarocchi

Il buon cibo italiano fa faville. E il Made in Italy a tavola ottiene un record nell’esportazione di prodotti alimentari e bevande, +9,1% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. L’analisi di Coldiretti è assolutamente positiva per il commercio estero ad agosto 2017, dopo un 2016 che già aveva fatto raggiungere all’agroalimentare il massimo storico di 38,4 miliardi.

Coldiretti sottolinea come, mantenendo questo trend fino a fine 2017, arriveremo per la prima volta a superare i 40 miliardi di euro di export agroalimentare Made in Italy. Se quasi due terzi delle esportazioni agroalimentari interessano Paesi dell’Unione Europea, gli Stati Uniti sono di gran lunga il principale mercato dell’italian food fuori dalla Ue, il terzo in termini generali dopo Germania e Francia e prima della Gran Bretagna.

E’ il vino il prodotto italiano più esportato all’estero e questa certo non è una novità, al secondo posto c’è l’ortofrutta fresca. Coldiretti spiega che l’andamento sui mercati internazionali potrebbe ulteriormente migliorare tutelando in modo più efficace la cosiddetta agropirateria internazionale che fattura oltre 60 miliardi di euro utilizzando impropriamente parole, colori, località, immagini, denominazioni e ricette che richiamano il nostro Paese per prodotti taroccati e che niente hanno a che fare con il tricolore.

All’estero, due prodotti su tre italiani sono falsi. In testa alla classifica troviamo i formaggi Dop, a partire dal Parmigiano Reggiano e dal Grana Padano, poi Provolone, Gorgonzola, Pecorino Romano, Asiago e Fontina. Poi ci sono i salumi di Parma e il San Daniele; quindi gli extravergini di oliva e le conserve.

Tag utilizzati:

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *