What’s New in Italy
Mondiali 2018: Russia, due tribune fuori dall’impianto troppo piccolo

Mondiali 2018: Russia, due tribune fuori dall’impianto troppo piccolo

L'Ekaterinburg Arena aveva una capienza massima di 27 mila spettatori, ora è passata a 45 mila. Dopo la Coppa del mondo, le due tribune saranno smantellate

Lo stadio è troppo piccolo e i russi come rimediano? Costruendo le tribune fuori. E’ l’incredibile escamotage scelto all’Ekaterinburg Arena, uno degli impianti che ospiterà i Mondiali di calcio di Russia 2018, nella prossima estate.

Accortisi di aver costruito un’Arena davvero con pochi posti, considerata l’affluenza di tifosi per la Coppa del mondo, i russi hanno creato nuovi posti a sedere. Studiando però una soluzione piuttosto bizzarra, sicuramente mai vista prima d’oggi: hanno costruito due tribune all’esterno. L’impatto visivo è sicuramente da rivedere, ma così facendo la capienza è passata in un lampo da 27 mila a 45 mila persone, come da standard richiesti dalla Fifa.

La soluzione, alla fine, potrebbe anche essere intelligente. Dopo la fine dei Mondiali, infatti, le tribune saranno smontate e lo stadio tornerà a essere di forma circolare. Funzionale a evitare che si trasformi in una cattedrale nel deserto, come è successo a molti stadi italiani attrezzati per i Mondiali del 1990. Stadi troppo grandi per piazze che difficilmente li riempiono tutti, brutti da vedere, freddi (vedi il ‘Delle Alpi’ di Torino), con il pubblico troppo lontano dal campo.

In Russia, perlomeno all’Ekaterinburg Arena, questo non accadrà. Dopo la Coppa del mondo di calcio, la capienza tornerà a essere di 27 mila persone. L’impatto visivo sarà migliore. E la gente riempirà le tribune. Come se il Mondiale non ci fosse mai stato.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *