What’s New in Italy
Erasmus+: quasi 9mila i partecipanti italiani

Erasmus+: quasi 9mila i partecipanti italiani

L’adesione è cresciuta del 20% in un anno. Italia in terza posizione

Gli studenti universitari italiani puntano sempre più sullo stage in un’impresa europea o in un centro di ricerca. Nel 2016 in 7.952 hanno scelto il Programma Erasmus+ Traineeship, con con incremento del 20% rispetto all’anno precedente (dati Indire, centro studi del ministero dell’Istruzione). Numero che colloca l’Italia in terza posizione per partecipanti dopo la Francia (12.737 aderenti) e la Germania (8.090).

Se l’attrattiva dell’estero per gli italiani è forte, lo stesso non si può dire per l’Italia con gli studenti stranieri, anche se il trend è in crescita: lo scorso anno a scegliere il nostro Paese sono stati in 4.840, collocando l’Italia in quinta posizione. Le università più coinvolte nell’accoglienza sono l’Alma Mater di Bologna (436 tirocinanti), Sassari (364) e La Sapienza di Roma (349). Le mete più ambite in Europa sono Spagna, Regno Unito e Germania.

Lo stage all’estero, che viene scelto anche dal 42,4% di quegli studenti che non hanno come obbligatoria l’esperienza del mondo del lavoro, si rivela un’esperienza determinante per la quasi totalità di chi lo ha realizzato: l’80% di loro dichiara che è servito a chiarire le idee sul proprio futuro.

L’età media degli stagisti è di 25 anni, mentre per l’Erasmus classico scende a 23. Il 67% di coloro che hanno preso parte al Programma Traineeship frequenta un corso di laurea magistrale, mentre il 7% svolge un dottorato di ricerca. A scegliere di cogliere una simile opportunità sono soprattutto le donne, che rappresentano il 63% degli studenti dell’Erasmus+. Nel 2016 gli italiani hanno scelto soprattutto Spagna (scelta da 1.743 studenti), Regno Unito (1.537) e Germania (789).

Tag utilizzati:

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *