What’s New in Italy
Monarch Airlines: fallisce compagnia low cost britannica

Monarch Airlines: fallisce compagnia low cost britannica

Restano a terra 110 mila passeggeri, quasi tutti bloccati all'estero. La Gran Bretagna è al lavoro per rimpatriarli. Saltano anche 5 rotte italiane

La crisi delle compagnie aeree prosegue. La terza a fallire, in Europa, è la Monarch Airline, nata 50 anni fa in Gran Bretagna. I 35 vettori sono fermi nei parcheggi degli aeroporti e non ripartiranno. Sono stati nominati amministratori straordinari Blair Nimmo, Jim Tucker e Mike Pink (KPMG). A terra restano 110 mila passeggeri, quasi tutti bloccati all’estero.

La situazione è precipitata la notte scorsa. La Monarch Airline, con sede alle porte di Londra e base nello scalo di Luton, ha dichiarato fallimento. Nonostante ci fossero in ballo 300 mila prenotazioni. La Gran Bretagna ha messo in piedi una delle operazioni di rimpatrio più estese e articolate dai tempi della Seconda guerra mondiale.

Il fallimento di Monarch colpisce in parte anche l’Italia: cinque erano le tratte assicurate, con partenza dalla Gran Bretagna: Roma Fiumicino, Napoli, Torino, Venezia e Verona. La compagnia questa mattina è impegnata ad avvertire tutti i clienti a “non recarsi in aeroporto” per nessun motivo se non in possesso di un volo alternativo. Per i clienti al di fuori del Regno Unito, è stato attivato un numero di telefono a cui chiedere informazioni: +44 1753 330330.

Prima di Monarch Airline, a gettare la spugna nel Vecchio Continente erano state Alitalia e Air Berlin. E non dimentichiamo i problemi di Ryanair, che ha cancellato decine di voli per i prossimi mesi. Tornando a Monarch Airline, è stata la Civil Aviation Authority britannica ad annunciare che la compagnia low cost cessava le operazioni e che i 35 aerei, quasi tutti Airbus, non sarebbero più usciti dai loro hangar.

Il gruppo comprendeva anche un tour operator e una divisione ingegneristica. Dalle sue quattro principali basi britanniche trasportava ogni anno circa sei milioni di persone su oltre 40 destinazioni.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *