What’s New in Italy
Spiagge: 33 spariranno entro il 2100

Spiagge: 33 spariranno entro il 2100

L’allarme lanciato dall’Associazione italiana di geomorfologia dopo uno studio lungo tre anni

Spiagge italiane in arretramento, con almeno 33 aree costiere che potrebbero sparire entro l 2100. E’ il risultato dello studio ‘Start-Sistemi di rapid mapping e controllo del territorio costiero e marino’ realizzato dall’Associazione italiana di geomorfologia

Le 33 aree a rischio scomparsa risentono del gioco contemporaneo delle terre che si muovono e del livello del mare che si solleva, favorendo una possibile inondazione di quelle aree.

Come spiegato da Giuseppe Mastronuzzi (Università di Bari), nel corso dello studio, durato tre anni, è stato realizzato uno strumento scientifico che permette di dire i caratteri dinamici della fascia costiera e di valutare i rischi di erosione, mareggiate e Tsunami nel caso dell’Italia Meridionale (Sicilia e Puglia sono le regioni maggiormente esposte a tale fenomeno).

Altro problema riscontrato è quello delle Falesie, “coste rocciose subverticali tali perché il mare con i suoi movimenti scalza la roccia e ne fa crollare il corpo roccioso”.

Un problema particolarmente sentito a Falesia (arretramenti di 3-4 metri medi l’anno), in alcune zone della Puglia (Gargano, San Foca, Torre dell’Orso) dove è vietato l’accesso pubblico a dei tratti di costa, lungo la fascia costiera di Ancona dove a causa dell’altezza i versanti subiscono l’azione combinata del mare e degli agenti esogeni e a Ponza.

Uno strumento quello realizzato dai geomorfologi che è a disposizione delle istituzioni per realizzare politiche consapevoli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *