What’s New in Italy
Lego House: la Danimarca ha la Casa fatta di mattoncini

Lego House: la Danimarca ha la Casa fatta di mattoncini

Misura 12 mila metri quadrati, è divisa in quattro zone esperienziali con altrettante aree giochi colorate. Si trova a Billund, sede dell'azienda

La Danimarca è il luogo di nascita della Lego, marchio registrato nonché bene nazionale. Ma da oggi, nel Paese nordico, esiste una vera e propria casa fatta di costruzioni Lego. Si chiama Lego House e ha sede a Billund, che sta all’azienda come la Lapponia sta a Babbo Natale. Dove già esiste Legoland. Ma la nuova casa non è doppione, spiega Jesper Vilstrup, generale manager della House: “Qui vogliamo ospitare la vera essenza del concept Lego. Questo è un posto speciale dove i fan di Lego, le famiglie e i visitatori, grandi e piccini, potranno immergersi completamente nell’universo dei mattoncini e vivere l’esperienza del gioco. Un gioco creativo che promuove l’innovazione e stimola la creatività”.

Chi di noi, da piccolo, non ha costruito una casetta con i Lego? Questa di Billund misura però 12 mila metri quadrati e si trova nel centro. Dove esistono una quantità notevole di attrazioni a pagamento. Ma pure spazi free, come la Lego Square, lo store e tre ristoranti a tema. La Lego House è composta da 21 blocchi bianchi sovrapposti e sfasati, sormontati da un enorme mattoncino Lego.

Una volta che si varca il portone d’entrata, c’è da rimanere a bocca aperta. Quattro le zone in cui è divisa la Lego House, ognuna permette un’esperienza diversa e colori diversi. Il rosso significa creatività, il blu sviluppo cognitivo, il verde socialità e il giallo emozioni. Ci sono la galleria Masterpiece, dedicata ai capolavori e aperta a ospitare le creazioni dei fan; la History Collection è dedicata alla storia dell’azienda. Che non vuole arrendersi a internet e al virtuale e continua a mietere ‘vittime’ della sua ingegnosità.
Se volete visitare la nuova casa, dovrete sborsare qualche euro: 26 euro per l’ingresso, 60 se abbinato alla visita pure di Legoland. Ma forse ne vale davvero la pena.

Tag utilizzati:

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *