What’s New in Italy
Inverno: come stare bene e prevenire l’influenza

Inverno: come stare bene e prevenire l’influenza

I consigli per ridurre al minimo il rischio di contagio

Arriva l’inverno e puntualmente arrivano anche i virus influenzali e parainfluenzali. Nonostante il ripetersi del fenomeno, però, gli italiani non hanno ancora imparato a difendersi.

Come testimonia un’indagine di Assosalute i comportamenti adottati sono infatti consoni a favorire il diffondersi dei virus: meno del 50% si lava spesso le mani, il 15% non adotta nessuna precauzione e solo il 14% ricorre al vaccino. Anche in caso di influenza le cose non vanno meglio: solo il 46% si copre naso e bocca quando starnutisce e solo il 19,6% si lava bene le mani. Italiani bocciati anche nella cura, con il 22% che ricorre agli antibiotici e il 10% a prodotti erboristici ed omoeopatia.

Per difendersi dal contagio è invece fondamentale lavare bene le mani, cercare di evitare di evitare gli starnuti altrui, evitare spazi chiusi e umidi e gli sbalzi termici (riducono la barriera protettiva e facilitano l’infezione virale).

Nella prevenzione fondamentale anche la vaccinazione, soprattutto nelle categorie più vulnerabili (bambini, anziani, pazienti immunodepressi, con problemi cronici respiratori e cardiaci). Vaccinazione che è ancora bassa, soprattutto negli over 65 dove la copertura nel 2016 è stata di circa il 50%. “ancora troppo poco se si pensa che in questa fascia d’età il 10% dei casi di influenza va incontro a complicanze” sottolinea Fabrizio Pregliasco (virologo dell’Università degli Studi di Milano).

Se nonostante le precauzioni si viene contagiati, come suggerisce Pregliasco, è bene rivolgersi al farmacista per scegliere “il farmaco giusto o una combinazione di antipiretico, antitossivo, decongestionante nasale. Sarebbe però un errore abbassare completamente la febbre, fisiologica reazione dell’organismo”. Ci si deve rivolgere invece al medico quando “non si vedono miglioramenti, in caso di ricaduta dopo un iniziale ripresa oppure se la tosse diventa grassa”.

Tag utilizzati:

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *