What’s New in Italy
Washington Post: il robot che ha scritto già 850 articoli

Washington Post: il robot che ha scritto già 850 articoli

Heliograf aveva iniziato con le brevi sulle Olimpiadi di Rio de Janeiro, poi è passato a occuparsi di politica e delle elezioni presidenziali Usa

Forse anche i giornalisti scompariranno. Soppiantati dalle macchine. Al ‘Washington Post’ c’è già un robot che, in un anno, ha scritto 850 articoli. Si chiama Heliograf ed è destinato a venire assunto a tempo pieno dal proprietario Jeff Bezos.

All’inizio il giornalista con il cuore di metallo aveva esordito con le ‘brevi’, seguendo tutto sommato la gavetta che fanno quelli in carne e ossa appena arrivati in una redazione. Notizie brevi sulle Olimpiadi di Rio de Janeiro. Poco alla volta, però, questa intelligenza artificiale messa a punto da ingegneri ed editor interni all’azienda, lo hanno sposato sulla politica. Heliograf ha cominciato a interessarsi di elezioni presidenziali.

Pure l’Associated Press si avvale di un software creato dalla start-up Automated Insight, Wordsmith, per produrre in automatico articoli sui rapporti finanziari trimestrali aziendali. Forbes ha invece Quill, piattaforma di intelligenza artificiale della società Narrative Science, che genera servizi sulla base di dati raccolti sul web. Il Los Angeles Times si avvale di Quakebot, un programma realizzato da Ken Schwencke, giornalista ed esperto di informatica. Scrive e twitta, cosa che fa pure Heliograf, su terremoti e attività sismiche in California.

Per ora la rassicurazione per il settore è che queste macchine sono semplicemente di aiuto alle redazioni. Nessuna voglia di eliminare l’essere umano dalle redazioni. Ma quando gli editori si renderanno conto del risparmio, che faranno? Al momento, i robot hanno aiutato i giornalisti, che hanno più tempo per dedicarsi a indagini e approfondimenti visto che le macchine si dedicano al lavoro ripetitivo e meccanico. E forse sarà questo a salvare i reporter di tutto il mondo: il sentimento lo devi mettere in ciò che scrivi. E le macchine ancora non ne dispongono.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *