What’s New in Italy
Elezioni in Germania: Merkel vince, ma spopola l’ultradestra

Elezioni in Germania: Merkel vince, ma spopola l’ultradestra

Cdu primo partito, ma perde 8% voti, l'Spd crolla e rompe l'alleanza di governo. L'Afd xenofobo diventa la terza forza del Paese ed entra in Parlamento

L’ultradestra tedesca avanza, Angela Merkel vince ma perde consensi e, per governare, sarà costretta a ricorrere ad alleanze. Questi i responsi più importanti dalle urne, in Germania, dopo le elezioni per il Bundestag, il Parlamento tedesco.

Chi esce mestamente dalla scena politica, almeno per ora, è Martin Schulz. Un vero e proprio flop per i socialdemocratici e per l’uomo che avrebbe dovuto sfidare la cancelliera fino all’ultima scheda. Arriva per la prima volta in Parlamento una formazione politica xenofoba (l’Afd), che diventa addirittura terza forza. Se la Cdu di Angela Merkel porta a casa il 32,9 per cento dei consensi e 246 seggi, perdendo oltre 8 punti percentuali rispetto a 4 anni fa, l’Spd supera di poco il 20 per cento (era al 26 per cento), prendendosi 153 seggi. I due partiti, che attualmente compongono la maggioranza, è il peggior risultato dal 1950 a oggi.

L’Afd ultranazionalista raccoglie il 12,6 per cento dei voti (dal 5 per cento). Bene anche i liberali dell’Fdp (10,7 per cento), molto meglio di quattro anni fa quando finirono fuori dalla Camera. Mantengono le stesse percentuali passati Like (sinistra) e Gruenen (Verdi). E proprio con Verdi e liberali, probabilmente, Angela Merkel dovrà cercare l’alleanza per governare. Anche perché l’Spd si è chiamato fuori dall’alleanza, per bocca di Manuela Schwesig, esponente di spicco: “E’ una pesante sconfitta, oggi finisce per noi la grande coalizione”. Il leader del partito le ha fatto eco: “Andremo all’opposizione”.

I possibili alleati di Merkel non nascondono dubbi sulla fattibilità della cosa: “I colloqui per il governo saranno difficili”. Al punto che proprio l’ultradestra diventa ago della bilancia: “Siamo nel Parlamento e cambieremo questo Paese” ha spiegato il candidato Alexander Gauland. “Qualsiasi governo si farà, dovremo fare attenzione. Combatteremo contro Merkel e chiunque sarà alla guida del governo. Da oggi c’è un nuovo partito di opposizione al Bundestag”. Il primo passo? Alice Weinder ha spiegato che si farà una commissione d’inchiesta sui migranti.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *