What’s New in Italy
Bonus cultura: è un flop tra i 18enni

Bonus cultura: è un flop tra i 18enni

Appena il 61 per cento ne ha usufruito finora. Tra chi ha prenotato, il 50 per cento non ha ancora ritirato. Il Governo non rifinanzierà l'iniziativa

Il bonus cultura non pare soddisfare i giovani. Si tratta di 500 euro a disposizione dei 18enni, elargiti dal governo Renzi. Spendibili dal 19 settembre 2017 al 31 dicembre 2018 per dischi e corsi. Per libri, concerti, cinema, teatro, danza, musei e altri eventi culturali.

Il bonus 18enni difficilmente verrà rifinanziato per la terza volta nel 2018 proprio a causa di quello che può definirsi un flop. Tra chi poteva richiederlo (la classe 1998), lo ha fatto solo il 61 per cento (351 mila ragazzi). Sono avanzati 114 milioni sui 290 stanziati. Dei bonus prenotati, poi, la metà è ancora lì (90 milioni di euro). Ci sono tre mesi per utilizzare il bonus da parte della classe 1998. Diverso per i classe ’99: niente cd. Solo libri e cinema.

Il flop non è dovuto solo alla scarsa propensione a spendere da parte dei giovani (e ci mancherebbe), ma dai problemi iniziali con lo Spid, l’identità digitale necessaria per usufruire del bonus. Tommaso Tosi, classe 1998, ideatore del gruppo di Facebook ’18app-Bonus Cultura’, che conta 14 mila iscritti, dice: “Ma poi gli ostacoli tecnici sono stati superati. La verità è che in molti prevale il disinteresse. Se non ti piace leggere, non vai ai concerti o al cinema, cosa te ne fai? Discorso diverso se si potesse acquistare anche l’elettronica. Lo chiedono in tanti, ma certo a quel punto non sarebbe un bonus cultura”.

E allora? A scuola gli insegnanti non parlano del bonus cultura, gli spot pubblicitari sono finiti. Esiste persino il mercato nero tra chi acquista con i soldi del governo e poi rivende. Chi si fa fatturare libri, ma porta a casa il tablet. C’è chi riporta l’intero bonus da 500 euro al negoziante, facendosi pagare in contanti. C’è anche chi propone: “Il ridicolo è non poter pagare la tassa regionale dell’università, almeno quella: che bene o male la musica in free download la trovi”.

Tag utilizzati:

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *