What’s New in Italy
Morto Jake La Motta: il ‘Toro Scatenato’ della boxe

Morto Jake La Motta: il ‘Toro Scatenato’ della boxe

Famoso per non finire mai al tappeto, la sua vita è diventata un film con Robert De Niro e la regia di Martin Scorsese. Aveva 95 anni

E’ morto Jake La Motta, mitico pugile che soffriva di polmonite e che è deceduto proprio a causa di alcune complicazioni. Aveva 95 anni. Soprannominato ‘Toro Scatenato’, era stato interpretato da Robert De Niro nel film di Martin Scorsese nel 1980. Una pellicola davvero fortunatissima.
Era nato nel 1921 a New York ed era di chiare origini italiane, come sottolinea il cognome. Il padre era infatti siciliano. Aveva iniziato a combattere sul ring a 19 anni, conquistando il Mondiale dei pesi medi il 16 giugno 1949, sconfiggendo il francese Marcel Cerdan. Ma la sua fama è legata ai tanti incontri avvincenti contro Sugar Ray Robinson. Ne vinse solo uno, in realtà, ma difficilmente qualcuno riusciva a metterlo al tappeto. Se perdeva, lo faceva ai punti.

Va detto che sulla sua carriera aleggiano anche ombre di match pilotati dalla mafia. La Motta stesso, quando ha testimoniato davanti a una commissione del Senato, ha detto di aver dovuto fare dei piaceri a Cosa Nostra. Nel 1950 difese il titolo contro l’italiano Tiberio Mitri al Madison Square Garden di New York, per cederlo l’anno dopo a Robinson in un incontro passato alla storia come il ‘Massacro di San Valentino’. La Motta rimase in piedi fino alla fine, ma subì una lezione terribile dall’avversario. Scorsese ha reso immortale una scena del match in ‘Toro Scatenato’.

L’unico ko, Jake l’ha subito quando è passato ai pesi massimi – leggeri. Ritiratosi dal ring, diventò gestore di un bar, ma pure comico e attore. Ha fatto 15 film, tra cui ‘Lo Spaccone’ con Paul Newman.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *