What’s New in Italy
Wayne Rooney: patente ritirata per 2 anni, 100 ore di servizi sociali

Wayne Rooney: patente ritirata per 2 anni, 100 ore di servizi sociali

Il 1° settembre era stato arrestato perché guidava l'auto di una modella ed era ubriaco. Il giocatore in tribunale ha chiesto scusa e ammesso le responsabilità

E’ arrivata la sentenza per Wayne Rooney, l’asso del calcio inglese che oggi veste la maglia dell’Everton. Lo scorso 1 settembre fu fermato e arrestato, nel Cheshire, per guida in stato di ebbrezza. Ebbene: la patente gli è stata ritirata per due anni. In più: l’ex campione del Manchester United è stato condannato a fare 100 ore di servizi sociali non pagati.

Se in campo le cose non vanno bene – l’Everton è terzultimo in Premier League e ha preso tre schiaffi dall’Atalanta in Europa League e quattro in campo proprio dallo United – fuori vanno pure peggio. Rooney, in tribunale, ha ammesso le sue responsabilità: “Voglio pubblicamente chiedere scusa per la mia imperdonabile mancanza di giudizio, è stato un comportamento completamente sbagliato. Accetto la sentenza del tribunale e spero che possa farmi perdonare attraverso il mio servizio in comunità”.

Sono emersi nuovi dettagli su quel 1° settembre. Rooney non guidava la sua auto, ma quella di una modella, anche lei poco sobria per mettersi al volante. La moglie, al ritorno a casa, gli avrebbe chiesto di smettere di giocare a calcio per dedicarsi completamente alla famiglia, visto che è in arrivo il quarto figlio. I bookmaker giocano sulla possibilità che Wazza smetta davvero: 10 volte la posta che il giocatore si ritirerà entro la fine del contratto con l’Everton. L’estate scorsa, Wayne aveva già detto basta con la Nazionale inglese, con cui ha segnato 53 gol diventando il miglior marcatore. Vale 2.90 la possibilità che ci ripensi; a 6.00 che, nel caso, venga convocato per i Mondiali in Russia del 2018.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *