What’s New in Italy
iPhone: lo smartphone del decennale si chiamerà iPhone X

iPhone: lo smartphone del decennale si chiamerà iPhone X

Il riconoscimento facciale saprà distinguere tra volto e foto e sostituirà il meccanismo delle impronte digitali. Domani presentazione ufficiale

Si chiamerà iPhone X quello del decennale. Non ‘Edition’ o ‘Pro’, come si diceva fino a poco tempo fa. Arriverà insieme ad iPhone 8 e 8 Plus, andando a completare la gamma che già comprende iPhone SE e che potrebbe allargarsi ai due modelli presentati già l’anno scorso, iPhone 7 e 7 Plus.

Ma quello che interessa i patiti della Mela è sapere qualcosa in più sul X, il cui lancio ufficiale è previsto per martedì 12 settembre. I nomi dei nuovi smartphone sono stati svelati indirettamente dalla stessa Apple e sono contenuti nella versione ultima di iOS11 Beta, la Gold Master (pronta per la distribuzione e l’installazione sugli apparecchi).

Il sito ‘9to5mac’ ha analizzato il software e scoperto diversi dettagli, ancora non svelati ufficialmente. Primo tra tutti il nome, e pure la sigla interna (iPhone X = D22). La fotocamera anteriore non avrà l’unico scopo di farsi selfie anteriori, ma anche di riconoscere il volto della persona per far funzionare il telefonino in tutta sicurezza. Una volta riconosciuto il viso, ne verrà fatta una scansione 3D.

Il riconoscimento facciale viene utilizzato già su diversi apparecchi Android, ma la tecnologia usata nell’iPhone X è diversa. E’ stata sviluppata da RealFace, startup israeliana che Tim Cook aveva acquistato alcuni mesi fa per due milioni di dollari. E’ in grado di riconoscere la persona con o senza occhiali, sa distinguere tra volti e fotografie. Sul modello maggiore, FaceID dovrebbe sostituire la scansione dell’impronta digitale per le operazioni di sblocco e di accesso ai dati sensibili, come i pagamenti con Apple Play.

Potrebbe esserci un’altra novità, diciamo così, più ludica: la stessa funzione utilizzata per gli Animoji, emoji animati con le espressione e la voce di chi usa l’iPhone.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *