Cybathlon Zurigo: a ottobre le cyber-olimpiadi

Cybathlon Zurigo: a ottobre le cyber-olimpiadi

La Svizzera organizza la prima manifestazione riservata ad atleti disabili, che saranno coadiuvati dalle tecnologie più moderne

Non c’è il tempo di metabolizzare le Olimpiadi e le Paralimpiadi di Rio de Janeiro che a ottobre è tempo di Cyber-Olimpiadi. Si chiama ‘Cybathlon’ la manifestazione che si terrà, per la prima volta al mondo, in Svizzera, nella città di Kloten, con inizio il prossimo 8 ottobre. A organizzare la kermesse è il Politecnico federale di Zurigo. Parteciperanno atleti colpiti da varie forme di disabilità, pronti a sfidarsi per le medaglie assistiti da moderne tecnologie (gambe e braccia elettroniche, esoscheletri, sedie a rotelle motorizzate).

Sei le discipline, tra le quali corse virtuali d’auto con avatar controllati da interfaccia cervello/computer, corse reali con bici speciali per atleti paralizzati, che potranno affrontare un vero e proprio percorso grazie alla tecnologia di stimolazione elettrica funzionale (Fes). Ci si potrà confrontare in gare di velocità e di abilità. Hanno aderito a Cybathlon 59 squadre per 74 atleti di 25 Paesi. Ogni squadra, per arrivare pronta all’appuntamento, si è avvalsa di centri di ricerca, istituti universitari e aziende.

L’Italia sarà presente con il team ‘SoftHand Pro’, nato dalla collaborazione tra l’Istituto italiano di tecnologia di Genova e l’Università di Pisa. L’obiettivo della manifestazione, al contrario delle Paralimpiadi, è incoraggiare ricercatori e produttori a realizzare dispositivi tecnologici in grado di aiutare in modo più efficace le persone con disabilità fisiche nelle attività quotidiane.

Robert Riener, docente del Politecnico di Zurigo, ammette: “Troppi di noi conoscono troppo poco i problemi di tutti i giorni che le persone disabili devono affrontare all’interno della nostra società. Noi vogliamo cambiare questa situazione”. Naturalmente, a rendere comunque più interessante la gara, ci saranno pure le medaglie: d’oro, d’argento e di bronzo.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn
Tag utilizzati:

Articoli correlati