Sanità ad agosto: un terzo di letti in meno

Sanità ad agosto: un terzo di letti in meno

Medici in vacanza, ospedali a scartamento ridotto e pazienti nei corridoi. Meglio non ammalarsi, in Italia, quando sta arrivando Ferragosto

Meglio non sentirsi male sotto Ferragosto perché la sanità italiana chiude letteralmente per ferie. Ad agosto, gli ospedali perdono un letto su tre per i ricoveri. Agosto, dolore mio non ti conosco quindi. Da Nord a Sud, nel nostro Paese, reparti e studi medici di famiglia lasciano ai servizi d’emergenza il compito di cavarsela da soli quando il caldo diventa insopportabile e un tuffo dove l’acqua è più blu un bisogno insopprimibile per i camici bianchi.

Addirittura, intere aree sotto Ferragosto non sono attrezzate per far nascere bambini. Le sale operatorie disponibili diminuiscono drasticamente, si viene dimessi anche se da tempo era stato programmato un intervento chirurgico.

L’Ats, l’Agenzia sanitaria di Milano, ha rilevato come in questo mese saranno in ferie il 34,6 per cento dei letti, circa 3 mila su 8.546 normalmente disponibili. All’ospedale di Battipaglia, in provincia di Salerno, niente sale operatori per chirurgia, ortopedia e chirurgia del rachide. Gli interventi? Se ne riparla a data da destinarsi. Al Santa Croce di Cuneo chiusure estive per ginecologia e oculistica. Nel punto nascite di Vittorio Veneto niente neonati fino a settembre. E se scadono i mesi, si va da un’altra parte.

Niente operazioni programmate al Sant’Anna di Como, chiusura dei servizi della week e day surgery. A Cosenza non si può pagare il ticket; l’unico dipendente dall’azienda sanitaria di Castrovillari è andato in vacanza e torna il 25 agosto. Nel Barese, ridotto l’orario di apertura del pronto soccorso più piccoli, le ambulanze hanno carenze di medici. All’ospedale di Loreto Mare, in Campania, medici in vacanza e pazienti nei corridoi.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn
Tag utilizzati:

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *