Bambini: in estate attenzione all’effetto forno

Bambini: in estate attenzione all’effetto forno

Un pediatra svedese mette in guardia dall'utilizzo della copertina come protezione contro il sole

Come proteggere i bambini piccoli dal sole quando si esce a fare una passeggiata? Molti genitori risponderebbero “coprendoli con una coperta sottile”, sbagliando. Svante Norgren dell’ospedale per l’infanzia di Stoccolma (Svezia) mette in guardia da tale abitudine, che contrariamente alle sue intenzioni può rivelarsi molto pericolosa.

Come il pediatra svedese ha spiegato al giornale ‘Svenka Dagbladet’, la copertina seppure leggera crea una cattiva circolazione dell’aria nel passeggino e ostacola per di più il controllo del bambino. Cattiva circolazione che porta a quello che è stato definito ‘effetto forno’, con un riscaldamento molto più veloce dell’ambiente.

Gli stessi giornalisti della testata svedese hanno voluto verificare quanto dichiarato dal medico. Presi due passeggini li hanno lasciati all’aperto per 90 minuti, uno con copertina e uno senza: se il secondo dopo il tempo previsto aveva raggiunto i 22°C, quello provvisto di copertina in soli 30 minuti aveva raggiunto 34°C per poi salire ulteriormente a 37°C al termine dell’esperimento.

Non solo l’ambiente che si viene a creare con la copertina è più caldo ma i neonati e i bambini piccoli sono anche più sensibili al calore. In primis il loro corpo si riscalda più facilmente rispetto a quello di un adulto (dalle 3 alle 5 volte) e poi sudano anche meno con conseguente difficoltà ad espellere il calore e abbassare la temperatura corporea. In più non parlando non possono comunicare chiaramente che soffrono il caldo e non sempre l’adulto, quando presente, riesce a comprendere in modo corretto il suo lamentarsi o il suo pianto.

Proteggere il bambino dal sole significa quindi in primo luogo togliere l’eventuale copertina. È bene, inoltre, controllare che il bambino sia sempre ben idratato. Come ricordano gli specialisti, nei primi mesi di vita del lattante è sufficiente il latte materno o quello in polvere (entrambi sono composti per oltre il 95% di acqua) mentre a partire dallo svezzamento, che indicativamente avviene intorno ai sei mesi, è opportuno far bere al bambino 30-50 ml di acqua durante la pappa.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn
Tag utilizzati:

Articoli correlati